INFO E COLLEGAMENTI

CREMAZIONE

La cremazione è un rito di antichissima tradizione. Nei paesi asiatici viene praticata da millenni. Durante l'epoca greco-romana, venivano sottoposti a questo rito funebre personaggi famosi e nobili. Con l'avvento del cristianesimo viene poi sostituita con la sepoltura. Dobbiamo attendere fino al 1822, anno in cui il corpo del poeta Percy Bysshe Shelley viene cremato sulla spiaggia di Viareggio, prima di trovare altre traccie di questo rito. Ricordiamo che la chiesa cattolica, nel 1963 abolisce il divieto ai propri fedeli di utilizzare questa pratica. Nel caso si volesse adottare questa soluzione necessita la seguente documentazione:

disposizione testamentaria od altra manifestazione di volontà scritta espressa in vita dal defunto;

OPPURE attestazione dell’iscrizione del defunto ad apposita associazione legalmente riconosciuta. La volontà di cremazione può essere manifestata dal coniuge o della maggioranza dei parenti più prossimi aventi pari grado di parentela mediante processo verbale reso davanti all’ufficiale di stato civile. Per i defunti portatori di stimolatori cardiaci e/o similari si rende necessario provvedere alla rimozione degli stessi.

DISPERSIONE DELLE CENERI

La dispersione è consentita in natura (fiumi, laghi, mari o spazi aperti), in cimitero (nel giardino delle rimembranze ubicato nel cimitero di Cesano Maderno) o in aree private, purché all’aperto e con il consenso dei proprietari. Non è consentita la dispersione all’interno dei centri abitati. Per ottenere l’autorizzazione alla dispersione presentare la seguente documentazione: disposizione testamentaria od altra manifestazione di volontà scritta espressa in vita dal defunto autenticata da un notaio;

OPPURE attestazione dell’iscrizione del defunto ad apposita associazione legalmente riconosciuta con espressa dichiarazione di volontà alla dispersione http://www.cremazione.it

La legge non consente di autorizzare la dispersione sulla base delle volontà espresse dai familiari dopo la morte, anche se in vita il defunto aveva espresso verbalmente tale volontà.

AFFIDAMENTO

L’affidamento delle ceneri di un defunto ai familiari può esser autorizzato quando vi sia:

una disposizione testamentaria o altra manifestazione di volontà di volontà scritta espressa in vita dal defunto;

OPPURE iscrizione ad una società, legalmente riconosciuta con espressa dichiarazione di volontà all’affido;

OPPURE con volontà espressa dal coniuge o dalla maggioranza dei parenti più prossimi aventi pari grado di parentela.

La dispersione o l’affidamento ai familiari possono essere autorizzati anche per ceneri già tumulate, o provenienti dalla cremazione di salme indecomposte o resti ossei.

Le precedenti indicazioni si applicano esclusivamente all’interno del territorio regionale lombardo.

CONVENZIONE SOCREM

La nostra impresa è autorizzata a raccogliere le iscrizioni per la cremazione e la dispersione delle ceneri. Per ulteriori informazioni rivolgersi presso i nostri uffici (previo appuntamento telefonico).